LOKKIOdiRobertoTomatispolitica
Tendenza

Vandalizzati i muri di Cisano, plauso al sindaco Niero che ha già incaricato la ditta per ripristinarli

Una lezione da amministratore con i fiocchi, quella del primo cittadino di Cisano. Ad Albenga invece, da 10 anni ci sono facciate vandalizzate mai ripulite

L’Editoriale di Roberto Tomatis. Ad Albenga, se ci guardiamo attorno, di scritte sui muri ne vediamo a iosa. Da vere e proprie frasi ingiuriose di tutti i tipi, a quelle di carattere politico, a messaggi di innamorati, per non parlare di quelle di fede calcistica. Insomma, un vero e proprio “esercito di scrittori” che non usano penna o tastiera, ma bombolette spray sui muri della città.

Ci sono svariate anomalie, tra queste una sta nel tempo che intercorre tra l’imbrattamento dei muri e il ripristino della decenza. 

Una lezione da amministratore con i fiocchi ci arriva da Cisano Sul Neva, con il sindaco Massimo Niero, che negli ultimi mesi è molto impegnato anche ad Albenga a sostegno del Partito Democratico per riuscire a mettere in piedi la campagna elettorale di Riccardo Tomatis. Vediamo come si sono svolti i fatti.

Ieri, 28 aprile, i cittadini di Cisano hanno avuto un brutto risveglio: sulla facciata del Municipio e su altre del paesino dell’entroterra ingauno, sono apparse le frasi  “Voi la uccidete, voi la seppellite”  e “Comune mafioso”, vergate con vernice rossa che potrebbe essere quasi una firma. Dopo un primo momento di sconforto e amarezza, il sindaco ha prontamente sporto denuncia presso il Comando dei Carabinieri di Cisano, con buona probabilità di scoprire molto presto l’autore delle scritte, grazie all’aiuto delle videocamere di sorveglianza. 

Il vero colpo di scena sta nel fatto che, non essendo passate nemmeno 24 ore, dopo l’analisi della vernice da parte del nucleo specializzato dei Carabinieri, il primo cittadino Niero ha già incaricato una ditta di ripristinare le facciate vandalizzate, per ritornare a uno stato di decenza.

Ora sarebbe bello capire il perché se a Cisano vengono imbrattati i muri, dopo poche ore la macchina amministrativa si mette in moto per restituire una situazione di normalità, mentre ad Albenga sono 10 anni che abbiamo intere facciate vandalizzate da scritte di ogni genere e nessuno interviene.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.