Sport

Torna ad Andora il grande ciclismo

ll grande ciclismo ritornerà nel nostro comprensorio: nel 2015 era arrivato ad Albenga, quest’anno era tornato ad Albenga ed Alassio, ma con la competizione femminile il Giro Rosa, l’anno prossimo invece farà davvero ritorno ad Andora. La stupenda località balnenare ospiterà il 7 maggio  l’arrivo della quarta tappa: la Acqui Terme – Andora di 187 chilometri.                Si tratta di un evento che ha lo scopo di intercettare quel turismo sportivo legato al Giro d’Italia che assicura benefici economici immediati sul territorio ed anche nel lungo periodo come è stato illustrato proprio da RCS Sport nel panel di apertura  dal titolo “Giro d’Italia – Eccellenza che valorizza il territorio” presentato proprio ieri a Trento dove era presente il Vice Sindaco di Andora Paolo Rossi che in questi mesi si è impegnato per raggiungere questo risultato seguendo in modo particolare il lungo iter necessario alla candidatura di Andora. Il Giro ha un notevole impatto economico immediato spalmato su tutte le tappe: si parla di 575 milioni di euro di introiti derivanti da spese fatte dagli turisti sportivi presenti alla manifestazione e di un impatto economico differito, nei 12-18 mesi successivi al passaggio del Giro, che si aggira intorno agli 830 milioni di euro che vengono spesi da coloro che tornano sul territorio o lo scelgono per le vacanze avendolo ammirato  in televisione o sui media.         “Siamo molto soddisfatti per aver raggiunto un obiettivo a cui lavoravamo da tempo- spiega Rossi-  È una emozione fortissima  vedere il nome di Andora associato ad evento sportivo così importante e amato  dagli italiani. Siamo particolarmente orgogliosi di riportare in Liguria e nel Ponente, un arrivo di tappa che mancava da diversi anni e che sia stata riconosciuta la credibilità e la capacità di Andora di organizzare e ospitare eventi importanti che coinvolgono migliaia di persone. Si tratta del risultato scaturito da un lavoro di squadra, una straordinaria opportunità di promozione per Andora e per il comprensorio che avrà indubbie ricadute economiche come bene hanno dimostrato i dati presentati ieri sera dall’organizzazione sulla base delle precedenti edizioni. Sono grato per la fiducia accordata e ringrazio Urbano Cairo Presidente e Paolo Bellino, Amministratore delegato RCS Sport, Mauro Vegni, direttore del Giro d’Italia. Un particolare ringraziamento a Enzo Grenno per il suo prezioso e insostituibile lavoro”. Andora sarà vista in tutta Italia e all’estero e raccontata dai giornalisti della carovana Rosa. Per Andora sarà una grande vetrina vetrina e l’arrivo di tappa darà sicuramente notevoli benefici a tutto il comprensorio. Grande anche la soddisfazione del primo cittadino andorese: “Mi congratulo con il vice Sindaco Paolo Rossi – conclude Mauro De Michelis- per la caparbietà con cui ha lavorato e ottenuto questo importante risultato. Vedere il nome di Andora fra le tappe del Giro d’Italia è motivo di orgoglio come andorese che condivido con tutta la maggioranza che non ha mai smesso di lavorare per assicurare al nostro comune, al suo territorio, alle imprese ricettive, alle sue eccellenze la meritata valorizzazione, attraverso eventi attrattivi, promozione del turismo sportivo, opere pubbliche e miglioramento di tutti servizi in quei settori in cui il comune può operare autonomamente. Il Giro d’Italia darà ad Andora grande visibilità. Saremo all’altezza di tutte le opportunità che questa grande vetrina ci offrirà”.

Claudio Almanzi

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.