Albengapolitica
Tendenza

Sicurezza ad Albenga, Podio: “Risse e degrado, ma per qualcuno è solo una percezione. In 5 anni si è solo negata l’evidenza”

Il candidato sindaco del centrodestra: "Nessun intervento per arginare gli episodi con gli strumenti a disposizione dell'amministrazione"

“Sul tema della sicurezza e del degrado sociale di diverse zone di Albenga l’amministrazione uscente lascia una pesante eredità alla prossima maggioranza. Se gli albenganesi non si sentono sicuri di fare una passeggiata nel tardo pomeriggio, per non parlare di sera, l’insicurezza non è soltanto una percezione, ma una realtà suffragata da episodi preoccupanti e all’ordine del giorno. Il fatto che la città di Albenga venga spesso associata ad episodi di cronaca, più o meno gravi, è un problema. Negare questa realtà è il primo passo verso il fallimento, perché non si può intervenire senza prima ammettere l’esistenza di un problema. Da cinque anni a questa parte, il sindaco e gli assessori negano l’evidenza e sembrano quasi insinuare che i cittadini stiano avendo delle allucinazioni. Il paradosso è che proprio pochi giorni fa si è verificato un episodio emblematico: una rissa scoppiata in pieno centro storico, una delle tante.

Sui social sta circolando un video in cui un candidato consigliere arriva persino a minacciare di morte una persona. Se, come sostiene il sindaco, Albenga è una delle città più sicure della provincia, allora ci sono due possibilità: o il sindaco ha ragione e quindi molti albenganesi provano sensazioni sbagliate, oppure, come penso, è il sindaco stesso a mentire per pura convenienza elettorale, e allora in questo  caso gli albenganesi glielo potranno ricordare l’8 il 9 giugno prossimi. Qui non si tratta di risolvere i problemi con una bacchetta magica. Qui il vero problema è un’amministrazione che nega l’esistenza di una realtà, il che, per certi aspetti, diventa persino più grave del problema stesso”. Lo dichiara il candidato sindaco del centrodestra albenganese Nicola Podio.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.