Cultura

Savona si aggiungerà alle città che hanno un “Giardino dei Giusti”

Savona si aggiungerà alle città che hanno un “Giardino dei Giusti”. Lo ha annunciato il sindaco Marco Russo in una conferenza stampa in Comune alla presenza del provveditore Nadia Dalmasso e di Dina Molino di Libera Savona, che ha promosso il progetto.

Savona entrerà quindi nel network di Gariwo (Gardens of the Righteous Worldwide), associazione che promuove la nascita di Giardini dei Giusti in tutto il mondo, pensati come luoghi in cui ricordare e onorare le donne e gli uomini che di fronte ad atrocità personali o di massa si sono assunte una responsabilità per difendere la dignità umana e per venire in soccorso delle vittime.
“Il Giardino dei Giusti sarà un luogo di riflessione e di incontro – ha commentato il sindaco – un luogo in cui sviluppare la cultura del Bene collettivo, perché gli orrori e le sofferenze nate dall’intolleranza, dalla sopraffazione e dall’ingiustizia non si ripetano più”. “Come direbbe don Ciotti: con questo progetto è il ‘noi’ che vince – ha aggiunto Dina Molino – il progetto è stato proposto da Libera ma subito sostenuto da tutti e questo ci rende orgogliosi”.
Il giardino sorgerà nel parco giochi del Prolungamento e riporterà i nomi di 27 “Giusti” che sono stati individuati da 12 istituti scolastici e da 15 associazioni cittadine. Tra i nomi scelti Gino Bartali, Giorgio Perlasca, Felicia Impastato, Rocco Chinnici, Pio La Torre, don Pino Puglisi, Placido Rizzotto e don Lorenzo Milani. La bozza di progetto dell’architetto Ugo Destefanis prevede un “cammino” tra varie installazioni metalliche con i nomi traforati e attraversati da fasci di luce colorata.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.