Albenga
Tendenza

Roberto Tomatis (FdI): «Ad Albenga è vietato morire, loculi esauriti per tumulare i cari estinti»

«Ad Albenga è vietato morire, loculi esauriti per tumulare i cari estinti». E’ un intervento a gamba tesa quello di Roberto Tomatis, capogruppo di Fratelli d’Italia a pochi giorni dal varo del “piano cimiteri” osannato dall’Amministrazione Comunale. «Vietato morire – prosegue Tomatis – potrebbe essere il cartello che qualcuno apporrà all’ingresso del camposanto di Albenga. No, non è una battuta, è la verità. I posti nei cimiteri sono esauriti da un anno e nessuno ha mai provveduto a realizzare nuovi loculi. Ad oggi l’unica certezza è che i famigliari dei defunti chiedano “asilo” in un altro cimitero di località limitrofe che hanno certamente più disponibilità di loculi per chi non sceglie di essere sepolto in terra o la cremazione. E’ la conseguenza del tanto decantato piano cimiteri illustrato dal governo cittadino nel corso dell’ultimo consiglio comunale. Non ci sono più loculi – attacca Tomatis – perché il Pd preferisce investire decine di migliaia di euro in rassegne culturali, giornali di regime e manifestazioni “acchiappa voti” vista la vicinanza delle elezioni amministrative. E’ un fallimento annunciato – prosegue il consigliere di FdI – Va ricordato poi che le tesi proclamate in consiglio comunale dai dirigenti del Pd che si vantano di aver portato in votazione il piano dei cimiteri in realtà è un iter iniziato e portato avanti dall’ex sindaco Rosy Guarnieri ben dieci anni fa. E questo la dice lunga sull’interesse che dimostrano a chi passa a miglior vita. Per la realizzazione di nuovi loculi non serve l’approvazione di un piano cimiteri in consiglio come non serve per tagliare l’erba tra le tombe per dare un senso ad un luogo sacro. Ma non serve neanche per velocizzare le sepolture lasciando i defunti nella camera di transito  per molti giorni. Dispiace vedere sprecare soldi pubblici in rassegne dove l’unico scopo è accontentare qualche amico piuttosto che dare priorità ad interventi nei cimiteri per garantire la merita dignità a coloro che vorrebbero essere sepolti nella propria città».

Ed ecco la risposta del PD

In primo luogo vogliamo ringraziare Roberto Tomatis per le continue attenzioni e i poteri attribuitoci: oggi addirittura quello di vietare di morire…quanta potenza questo PD. Ironie a parte il comunicato del sopracitato ci permette di ricordare a tutti gli albenganesi l’importante risultato raggiunto dall’amministrazione cittadina per quanto concerne l’approvazione di un piano cimiteriale che prevede un ampliamento in tutte le località senza andare a danneggiare i privati (cosa per nulla scontata). Probabilmente l’invidia oppure la mancanza di un forno crematorio (che ricordiamo proprio il centrodestra voleva sul nostro territorio) non consentono, come sempre purtroppo, agli esponenti della minoranza ingauna di essere obiettivi. Gli importanti risultati raggiunti da questa amministrazione sono sotto gli occhi di tutti. Nonostante le tante difficoltà contingenti da superare: una pandemia devastante, la sanità allo sbando grazie ad una giunta regionale completamente inappropriata al ruolo e un’opposizione comunale, quella sì, in perenne campagna elettorale. Ora però basta giocare con i cittadini: è il momento di maturare un pochino, anche solo in quello che è la base della politica: il RISPETTO.
Le manifestazioni, gli eventi, l’implementazione di un efficace piano legato al turismo non sono delle novità ma una costante da 9 anni(dall’amministrazione Cangiano): asserire che si tratta di campagna elettorale è ingiusto nei confronti di tutti. I risultati ottenuti (e certificati) in termini sia qualitativi che quantitativi sono chiari e ci dispiace che un imprenditore, che di questi ne giova, li liquidi con sufficienza per mero interesse politico-personale.
Abbassare i toni è un atto dovuto a tutta la città e se negli esponenti del centro-destra vi è molta confusione in termini di proposte e candidati a causa di lotte intestine non è sicuramente l’immagine di Albenga che deve pagare pegno…non lo merita per nulla!

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.