Albenga
Tendenza

Roberto Crosetto, presidente di Fratelli d’Italia ad Albenga: “Nelle vie più pericolose i prezzi degli immobili sono crollati”

“Alcune zone della città come viale Pontelungo, Vadino e altre vie periferiche hanno subito una preoccupante svalutazione immobiliare. 

Una tendenza che, purtroppo, galoppa e sembra essere inarrestabile. Le case in vendita in zone dove il degrado è più marcato, i prezzi sono in picchiata. Probabilmente il fenomeno è da collegare a risse, spaccio di droga, furti. Tutti eventi che sono all’ordine del giorno e ora la gente ha paura di vivere in quei quartieri”. 

Lo afferma in una nota Roberto Crosetto, presidente di Fratelli d’Italia ad Albenga. “Gli albenganesi che conoscono bene i fatti di cronaca, hanno paura e se abitano in quelle zone sono costretti a vivere in una situazione di restrizione. Da tempo – dice Crosetto – avvertono la necessità di potenziare i controlli e soprattutto non possono accettare di dover continuare ad avere paura di rincasare la sera o di uscire per una semplice passeggiata anche di giorno”. “Ora – sottolinea Crosetto – c’è un problema più importante da risolvere. Chi ha intenzione di acquistare una casa, ma anche di investire, se è albenganese o comunque al corrente di quanto accade in queste zone e dintorni, preferisce orientarsi su quartieri più sicuri. 

Un passaparola che ha una ricaduta inevitabile sul mercato immobiliare cittadino. Il degrado e la microcriminalità hanno un inevitabile impatto sul valore degli immobili. Più ci si avvicina alle zone “calde” e meno gli immobili sono appetibili, e di conseguenza i valori al mq si contraggono, con un inevitabile impoverimento del patrimonio immobiliare”, è la fotografia di Crosetto. “Non si tratta di fare dell’allarmismo, ma sicuramente – conclude Crosetto – è necessario un cambio di direzione con oggettive misure sulla sicurezza della città e in particolare di quei quartieri dove il degrado è più accentuato. Servono interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria mettendo al centro l’interesse collettivo anziché interventi “spot” a pochi mesi dalle elezioni amministrative”.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.