LOKKIOdiFlavioLenardon
Tendenza

Promesse da ultima spiaggia elettorale

Curiamo il cuore ma le arterie sono sempre dimenticate

di Flavio Lenardon. Ho letto con grande interesse tutte le promesse o gli impegni elettorali che il nuovo esecutivo di centro destra si impegnerebbe ad eseguire o a perseguire relativamente al lungomare i caso di vittoria, ma come per l’attuale amministrazione delle attività di viale Italia a nessuno interessa e alcuno fa un cenno, del viale più bello della città per l’ingresso al mare di Albenga non c’è traccia, non esiste, pare un ologramma, certo lo capisco anche perché solo dopo innumerevoli richiami, articoli, proposte, video interviste, ovvero le mille volte che ho lamentato la scarsa attenzione sulla zona mare, qualcosa si è mosso, speriamo non sia un fuoco di paglia elettorale.

Ma tant’è, del viale che dovrebbe essere il più bello di accesso al mare evidentemente a nessuno fa piacere che vi siano attività di pregio, infatti le attività sono monocorde e non è difficile immaginare di cosa si tratti. 

Ma la conoscete a Jesolo la zona pedonale che inizia da Piazza Marconi e si dirama per 13 chilometri fino a Via dei Mille? 

Nella nostra piana abbiamo, fiori, artigianato, ceramiche, arte, eccellenze alimentari e innumerevoli altre opportunità e non si è mai fatto alcunché per invogliare gli imprenditori ad intraprendere, come mai? Ovviamente se l’area è percepita come desolata nessuno ci va ad investire, e quindi se la principale arteria di accesso al mare di Albenga è percepita come depressa commercialmente significa che non vi sono le condizioni ideali a che il turista si affacci. 

Viene lamentato, raccogliendo le impressioni dei frequentatori, che i sanpietrini sono sconnessi e quindi pericolosi per gli anziani, che non ci sono gettacarte, perciò vi sono persone che gettano le immondizie a terra o girano alla disperata ricerca del cestino, che non c’è un’aiuola fiorita e tantomeno curata, con gli annaffiatori che buttano acqua ovunque fuorché sull’aiuola, che è sporco, che le panchine sono storte e sporche, che c’è spesso immondizia sulle aiuole e altre amenità. 

Pensando che siamo in una cittadina che ha un altissimo numero di serre florivivaistiche è evidente che qualcosa nella promozione non va, a proposito le aiuole fiorite c’erano, forse non perfette, perché erano curate da pochi indomiti e stoici commercianti ma c’erano, e qualcuno dell’amministrazione attuale arrogantemente le ha fatte togliere. 

Ad Albenga abbiamo un cuore malato al quale vengono portate delle cure per un infarto, quando basterebbe pulire le coronarie! 

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.