Ceriale
Tendenza

Pranzo a casa, scatta la protesta dei genitori dei bambini delle scuole di Ceriale

Protesta dei genitori degli alunni delle scuole di Ceriale. Da oggi, lunedì 29 gennaio e fino a mercoledì 31 gennaio, le famiglie andranno a prendere in anticipo i bambini da scuola, intorno a mezzogiorno, li faranno pranzare a casa per poi riportarli a scuola per le lezioni pomeridiane. 

Iniziativa partita dai genitori del plesso di Muragne,dove già oggi su 114 alunni,la mensa ha contato solo 9 presenze,più i vari genitori degli altri plessi che hanno aderito alla protesta.

L’obiettivo è lanciare un segnale forte sui problemi riscontrati da mesi sul servizio di mensa scolastica. «La nostra protesta non è contro l’istituto Valvaratella, il dirigente scolastico o le maestre, ma nei confronti della cooperativa Dussmann che gestisce il servizio mensa e del Comune di Ceriale che dovrebbe vigilare per garantire un servizio adeguato – dicono le famiglie – I menù proposti sono spesso sgraditi ai più piccoli e con porzioni molto piccole. Il problema maggiore inoltre riguarda il fatto che il cibo arriva spesso freddo e scotto in quanto proviene dalle cucine di Albenga. Prima di Natale ci era stato garantito durante la riunione della Commissione mensa che i lavori di adeguamento per le cucine nel plesso di Ceriale sarebbero stati terminati entro la fine del mese, ma ad oggi non sono ancora iniziati e non si conosce nemmeno una data di inizio dell’intervento. Per questo abbiamo deciso di organizzare questa iniziativa che vogliamo definire Sciopero della mensa, per comunicare il nostro malcontento che sta crescendo a scuola. Noi genitori paghiamo puntualmente i buoni pasto, ma vogliamo che i nostri figli ricevano dei pasti sani, caldi e di buona qualità. Gli impegni presi dal Comune e dalla cooperativa che ha vinto l’appalto relativi ai lavori per le cucine di Ceriale devono essere rispettati».

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.