Cultura

Personaggi lo scultore ingauno Ennio Bestoso

Ho incontrato Ennio Bestoso, classe 1965, nella sua officina-laboratorio nell’entroterra ingauno, a Casanova Lerrone. Autodidatta, molto noto soprattutto a livello locale, per la maestria nella lavorazione del legno, del marmo e del bronzo, era considerato dal grande e compianto incisore alassino Carlo Bertolino uno dei più validi maestri ponentini nell’arte della fusione dei metalli. Bestoso ha alle spalle una serie di importanti personali e collettive. “Fin da piccolo – ci ha raccontato l’artista- ho nutrito una grande passione per la scultura e per la lavorazione del legno, che ho ereditato da mio padre, che a modo suo era davvero un artista, pur non essendo un vero ebanista. Ho appreso autonomamente le tecniche di fusione del bronzo e di altri metalli. Negli anni ho affinato le mie conoscenze ed ancora oggi studio e sono curioso di approfondire la metallurgia, questo campo affascinante della conoscenza”. In effetti Bestoso negli anni ha frequentato gli studi di numerosi artisti di talento, ove ha messo a frutto le tecniche più raffinate della propria arte collaborando con loro. Bestoso ha anche collaborato e partecipato ad eventi ed importanti mostre organizzate dalle associazioni artistiche molto attive nel comprensorio ingauno: l’UCAI (Unione Cattolica Artisti Italiani) sezione di Albenga-Imperia, presieduta attualmente da Giovanni Sardo, la Galleria Punto Arte di Albenga (dell’artista alassina Paola Maestri) e l’associazione Amici nell’Arte, presieduta dall’ artista Carmen Spigno. Opere di Ennio Bestoso sono presenti in importanti collezioni in Italia ed all’estero.

Claudio Almanzi

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.