Cultura

Personaggi: il poeta e giornalista Vincenzo Bolia

di Claudio Almanzi

Poeta e giornalista sportivo, direttore, produttore teatrale e scrittore: si tratta del giornalista ingauno Vincenzo Bolia, poeta vincitore di numerosi premi letterari e promoter culturale e teatrale. Nei giorni scorsi il giornalista ingauno Vincenzo Bolia, tra i decani dei cronisti sportivi del Ponente savonese, è stato riconfermato alla presidenza dell’associazione culturale Symbol 2000 per il triennio 2024/2026. Questo sodalizio culturale senza fini di lucro, costituito nel 2007, ha per statuto lo scopo di promuovere attività culturali, fra le quali il teatro amatoriale con la Compagnia ‘Mare Tempestoso’, affiliata alla Uilt – Associazione del Libero Teatro), nonché di operare nel settore dell’informazione, in particolare su fatti e avvenimenti riferiti alla Liguria con l’obiettivo di stimolare attenzione e attaccamento alla Terra ligure, alla sua cultura e alle sue tradizioni.

Bolia è nato e vive ad Albenga ed ha lavorato per “Settimana Sport” (Sportmedia) e con il “Il Secolo XIX” di Genova e, dal 2007, è il direttore della testata giornalistica online di informazione “Liguria 2000 News”. È delegato per Savona e provincia del Gruppo Ligure Giornalisti Sportivi “Renato Tosatti” ed è stato nel triennio 2010/2012 membro del Consiglio provinciale di Savona del Coni in rappresentanza dell’Ussi – Unione Stampa Sportiva Italiana. Dopo alcune significative e gratificanti esperienze come autore di testi di canzoni, Vincenzo Bolia, nel luglio 1977, è uno dei fondatori dell’emittente “Radio Onda Ligure 101” dove, con la trasmissione ‘Musica, Sport e…’,  entra nel giornalismo radiofonico passando poi alla carta stampata attraverso la collaborazioni con vari quotidiani e testate tra cui lo storico quotidiano genovese “Il Lavoro” (1981, direttore: Cesare Lanza).

Cultore di storia locale e del dialetto ligure, in particolare di quello albenganese, nel marzo 1978, Bolia è tra i soci fondatori dell’Associazione “Vecchia Albenga”, sodalizio culturale che si propone la tutela del dialetto e delle tradizioni ingaune; dall’aprile 2016, ricopre l’incarico di direttore responsabile di “Veggia Arbenga”,  trimestrale cartaceo dell’Associazione.  Appassionato di poesia, scrive versi in lingua e nel dialetto ligure di Albenga e sue liriche sono state pubblicate su libri e accreditate antologie. Tra i suoi libri editi ricordiamo: Fantasie e Realtà (Gabrieli Editore, Roma, 1978), Agendina Albenganese 1979, con quattro testi di canzoni “tradotte” nel dialetto di Albenga (Alda Ed., Alassio 1978) Pensieri… parole (Editrice Montedit, Melegnano, 2009) Poêxîe in zenéize de Zêna (Nuova Editrice Genovese, Genova, 2010), Liguria e altre poesie nel dialetto ligure di Albenga (Nuova Editrice Genovese, Genova, 2010), Pensceȓi… paȓolle (Editrice Montedit, Melegnano, 2016). Ha collezionato inoltre vari primi premi letterari, tra i quali: 2006: “Ottavio Nipoti – Città di Ferrera Erbognone” – XI edizione (Ferrera Erbognone – Pv), 2010, “Zeroconfini – Il velo di Iside” (Finale Ligure – Sv), 2010, “Il Corimbo” (Genova), 2012 e 2016, “Il Giardino delle Parole” – XIV e XVIII edizioni (Bossea/Frabosa Soprana – Cn). 2014, “U Giacuré” – XXVII edizione (Vallebona – Im), 2017, “Le Stelle” – I edizione (Genova), 2018, Premio Quinquennale “Città di Bassano del Grappa” per opere edite di poesia nei linguaggi regionali – Liguria – II edizione (Bassano del Grappa – Vi), 2019, “Beppin da cà”, XXVI edizione di poesia dialettale (Savona). Nel 2019 Vincenzo Bolia è stato insignito dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella del titolo di Commendatore al Merito della Repubblica. Inoltre nel 2020 gli è stato assegnato il “Premio Franz  Kafka Italia” alla cultura.

                                                          

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.