EventiSport

Personaggi: il plurivincitore Miguel Angel Lopez

19 successi stagionali, 14 maglie di leader, 4 gare a tappe vinte nel 2023 fra le quali il Giro di Colombia dove ha ottenuto nove successi di tappa su 10: un vero record. Questi sono i primati stagionali del ciclista colombiano Miguel Angel Lopez, che lo scorso anno era stato licenziato dalla sua squadra, l’ Astana, una delle equipe più importanti e forti della serie A del ciclismo mondiale. Era stato allontanato per probabili rapporti con un medico indagato per pratiche sportive sospette. Lopez perciò se ne era andato dal grande ciclismo europeo per tornare a correre in America Latina. Quest’anno è tornato ai più alti livelli ed è diventato il ciclista plurivittorioso al mondo, con 19 vittorie, precedendo in questa classifica Tadej Pogacar che ha vinto 14 gare, Jonas Vindegaard e Yacine Hamza con 11 successi.  Nato a Pesca, in Colombia, nel Dipartimento di Boyacà, ha esordito nel grande ciclismo vincendo nel 2014 il Tour de l’Avenir.                   Da allora ha inanellato grandi successi: complessivamente 43 vittorie in gare UCI, cioè gare di alto livello internazionale.                                                      Poi nel 2022 il licenziamento che pare non lo abbia mandato in tilt: anzi, quest’anno sta dimostrando di essere in grande forma.                                  “Penso- ha detto recentemente di lui il più grande fra i giornalisti del ciclismo italiano Beppe Conti- che stia preparandosi alla rivincita. Dopo una stagione come questa tutte le grandi squadre del Word Tour se lo contenderanno. Con l’esperienza e la classe che si ritrova infatti Lopez potrebbero utilizzarlo non solo come capitano in specifiche corse, ma anche come gregario di super lusso per qualche campione nei tre grandi Giri, dove ha già ottenuto due terzi posti al Giro ed alla Vuelta”.                           Lopez nel 2016 si è anche aggiudicato il Giro della Svizzera gara a tappe che in passato era considerata, dopo i tre Grandi Giri (Giro, Vuelta e Tour) la più importante corsa a tappe al mondo, oggi invece purtroppo molto declassata.

                                                                            CLAUDIO ALMANZI

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.