Sport

Oggi Il Giro Donne da Albenga ad Alassio

Dopo il ritiro della campionessa d’ Italia Elisa Longo Borghini si riducono le possibilità per il nostro ciclismo di vedere salire sul podio del Giro una ciclista italiana. Tuttavia grande è l’attesa per gli appassionati del Ponente savonese: oggi è in programma la settima tappa del Giro d’Italia Donne da Albenga ad Alassio di 109 chilometri. Il ritrovo era in Piazza del Popolo. Da qui dove era stabilito il Quartier tappa le cicliste hanno firmato il foglio di partenza e sono state presentate ai tifosi. Alle 11 e 20 da Largo Doria, attraversando il Ponte Viveri, la carovana è partita per il trasferimento in direzione Vadino: all’altezza del Camping Delfino il via è stato dato al Chilometro zero per una impegnativa tappa di oltre 100 km. Ieri la tappa Canelli- Canelli ha visto il successo della campionessa del mondo l’ olandese Annemiek Van Vleuten che ha così rafforzato il sui primato in classifica generale. La Van Vleuten ha preceduto Lorena Wiebes e Liane Lippert di 20”. La prima delle italiane al traguardo di Canelli è stata Soraya Paladin quarta a 25”. Silvia Persico a 28” ha vinto la volata del gruppo delle altre più forti in gara precedendo   Fisher-Black, Garcia e Santesteban.                                                                           Ora in classifica generale la Van Vleuten guida con più di tre minuti sulla statunitense  Veronica Ewers. Terza è la francese Juliette Labous a 3’39”, mentre la prima italiana è Gaia Realini, che è quarta a 3’39”.                                      Come detto la più forte fra le cicliste italiane Elisa Longo Borghini si è dovuta ritirare a causa di una caduta nella quale ha rimediato oltre a varie contusioni la rottura della clavicola. Ora le speranze di vedere una italiana sul podio sono affidate oltre a Gaia Realini ad Erica Magnaldi (attualmente sesta a 4’21”) ed a Silvia Persico (decima a 5’50”). L’ arrivo di oggi ad Alassio è previsto verso le 14 e 30 alla Madona della Guardia dopo tanti chilometri di salita che prevedono le scalate del Ginestro (682 metri), del Vigneto (440m.), di Paravenna (440 m.)  e l’erta finale verso la Guardia (580 m.).

CLAUDIO ALMANZI

 Post Views: 47

Condividi:

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.