Cultura
Tendenza

Neuroriabilitazione all’ospedale Santa Corona di Pietra Ligure: attivata la “sensory room”

"L'introduzione della Sensory Room presso l'Ospedale Santa Corona è un passo importante verso il miglioramento dei servizi sanitari nella nostra regione.

E’ stata presentata oggi, al piano terra del Padiglione Polio dell’Ospedale Santa Corona, in continuità con il Centro di robotica della Struttura Complessa Recupero e Rieducazione Funzionale, la nuova “Sensory Room”, tecnologia che attraverso un ambiente di lavoro così detto “immersivo” permette al paziente di effettuare la Rieducazione Neuromotoria e la Stimolazione Neurocognitiva.

Testimonial d’eccezione il campione di pugilato della Sanremo Boxe Thomas Fontò recentemente dimesso dalla Struttura di Riabilitazione dopo periodo di neuroriabilitazione intensiva resosi necessario a seguito di un grave incidente della strada ed il cui percorso di riabilitazione ha dimostrato l’efficacia di questa innovativa tecnologia.

La Sensory Room è una “stanza sensoriale” che utilizza la realtà virtuale dove il paziente può vivere un’esperienza stimolante interagendo direttamente con diversi scenari realistici che il sistema crea su parete o pavimento.

Questa tecnica supporta la riabilitazione motoria e cognitiva sfruttando gli stimoli della realtà immersiva e permette di rendere più efficace il processo di riabilitazione consentendo tra l’altro di adattare gli esercizi in tempo reale sulle capacità specifiche del soggetto. Il dispositivo analizza il movimento e rileva il comportamento del paziente e sulla base dell’ambiente proiettato fornisce un feedback audiovisivo fortemente stimolante e riabilitativo, con un’immersione completa di tutto il corpo.

La capacità di adattare gli esercizi in tempo reale alle esigenze specifiche del paziente è particolarmente promettente e potrebbe portare a risultati ancora migliori nella riabilitazione neuromotoria e neurocognitiva.

L’innovativo sistema si avvale della tecnologia Nirvana 3 di BTS che risulta estremamente versatile poiché applicabile a molteplici patologie del sistema nervoso centrale (ictus, gravi cerebrolesioni acquisite, malattie degenerative quali M. di Parkinson, Sclerosi Multipla, mielopatie di diversa origine) sia nella così detta fase acuta, sia nella fase cronica, per problematiche di movimento, coordinazione memoria e di equilibrio. Trova inoltre applicazione nell’ambito della cronicità, con un ruolo proattivo di prevenzione come ad esempio nel caso del rischio cadute nella popolazione anziana.

“Siamo estremamente soddisfatti – spiega il Direttore Socio Sanitario dott.ssa Monica Cirone – di presentare, all’interno dell’avanzato centro di Riabilitazione del presidio di Pietra Ligure questa nuova tecnologia che rappresenta un passo avanti significativo nel campo della riabilitazione, offrendo ai pazienti un’esperienza immersiva altamente stimolante. La versione precedente della Sensory Room era stata installata ad inizio 2023 nel reparto di Riabilitazione dell’Ospedale di Comunità di Cairo Montenotte con l’obiettivo di dare una risposta riabilitativa innovativa anche ai pazienti di un territorio vasto come quello della Val Bormida.”

La tecnologia in oggi installata a Pietra Ligure amplia l’offerta di Neuroriabilitazione presso l’Ospedale Santa Corona inserendosi nel contesto della Struttura Complessa Recupero e Riabilitazione che prende in carico fin dalla fase precoce patologie ad alta complessità clinica e riabilitativa. Presso la Struttura, diretta dal dott. Carmelo Lentino, ogni anno vengono ricoverati oltre 250 pazienti per riabilitazione intensiva ed è già presente da oltre quindici anni un’area ad alta valenza tecnologica; il reparto è stato tra le prime realtà ospedaliere in Italia ad avvalersi di dispositivi robotici e tecnologie innovative per la Neuro-riabilitazione ed è tuttora un riferimento a livello nazionale.

“Nell’ambito della struttura di Recupero e Rieducazione Funzionale – riferisce il dott. Lentino – a fine 2023 è stata implementata in particolare l’offerta riabilitativa per il paziente affetto da Parkinson, articolata su diverse impostazioni di cura, non solo ambulatoriale ma anche in Day Hospital e in casi selezionati di degenza ordinaria, per le quali le tecnologie, come tra l’altro questa della realtà immersiva, rappresentano una strategia terapeutica che sempre più personalizza il trattamento riabilitativo migliorando i risultati raggiungibili.”

“L’adozione di tecnologie innovative come la Nirvana 3 di BTS rappresenta un importante investimento nella salute e nel benessere dei nostri pazienti – dichiara il Dott. Michele Orlando Direttore Generale ASL2 – e ci consente di trattare con sempre maggior specializzazione e risultati tangibili una vasta gamma di patologie neurologiche. Con questa nuova tecnologia, siamo in grado di offrire un approccio più personalizzato ed efficace alla riabilitazione, migliorando significativamente la qualità della vita dei soggetti trattati, come dimostra l’esperienza di Thomas che ringraziamo per la Sua preziosa testimonianza.”

Presente all’incontro anche l’Assessore alla salute Angelo Gratarola. “L’introduzione della Sensory Room presso l’Ospedale Santa Corona è un passo importante verso il miglioramento dei servizi sanitari nella nostra regione. Questa tecnologia rappresenta un esempio eccellente di come l’innovazione possa migliorare direttamente la vita dei pazienti, fornendo soluzioni avanzate per la riabilitazione neuromotoria e neurocognitiva. Siamo lieti di vedere l’Ospedale di Pietra Ligure adottare tecnologie all’avanguardia come questa, che dimostrano il nostro impegno nel fornire cure di alta qualità e accessibili a tutti i nostri cittadini.”

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.