Alassio Andora LaiguegliaLiguriaLOKKIOdiFlavioLenardon
Tendenza

Obliteratrice della metro è senza inchiostro, ma scatta la multa ad un alassino a Genova (Video)

"I controllori non credono alle persone oneste e non controllano chi davvero non paga!"

di Flavio Lenardon. Il comandante di Yacht Alessandro Sordini ha vissuto un’esperienza kafkiana nella metropolitana genovese. Giovedì scorso, mentre come d’abitudine si trovava nella stazione di Principe, è stato multato di 62 euro per la supposta mancata obliterazione del biglietto.

Il comandante, di origine toscana ma che da tempo abita ad Alassio, era a Genova dove si trova ormeggiata la barca sulla quale opera e dalla quale si allontana per recarsi alla sua dimora di Alassio, come sempre con l’abbonamento della metro. Nell’occasione con l’abbonamento scaduto e trovatosi nell’impossibilità di rinnovarlo per disfunzione delle macchine automatiche, acquista un biglietto e qua inizia la comico tragica vicenda nel racconto del comandante: “Ho timbrato il biglietto e l’ho messo in tasca automaticamente, senza controllare. Quando sono sceso a Principe i controllori mi hanno chiesto il biglietto e serenamente l’ho presentato, a quel punto mi accorgo che non era obliterato. I controllori non hanno assolutamente voluto sentire ragioni e mi hanno fatto la contravvenzione apostrofandomi anche come truffatore di fronte a decine di persone, con grande detrimento per la mia immagine, per due euro di biglietto, quando abitualmente usufruisco e pago regolarmente un abbonamento”.

Il controllore non ha creduto alle mie parole e in più mi ha trattato come fossi un delinquente”.  La vittima, 54 anni dopo essere stato fermato, ha scoperto che l’operatore della metropolitana era a conoscenza del malfunzionamento delle macchinette, ma verso il problema non sono mai stati presi provvedimenti atti a rimettere in funzione le macchinette.

Il comandante ha spiegato agli incaricati del controllo che la macchina obliteratrice non funziona e per Lokkio ha documentato il problema in un video senza essere creduto, infine parlando con gli stessi ha scoperto una trama oscura ovvero che l’operatore della metropolitana era a conoscenza del problema dell’obliteratrice, ma che per qualche oscura ragione non sono mai stati presi provvedimenti per rimetterle in funzione. Il comandante vuole chiarezza su un problema che può colpire anche persone che non hanno capacità economica e sarebbero eccessivamente penalizzate, oltretutto pensando che vi sono parecchi soggetti che notoriamente circolano senza neppure pensare di acquistare il biglietto e men che meno l’abbonamento. 

video

Venerdì, sono tornato a Genova come da prassi ed ho fatto il video per verificare che la macchinetta funzionasse e ho notato che nuovamente mancava l’inchiostro. 

Inserendo il biglietto nell’obliteratrice si sente il rumore ma non c’è stampata. Ho parlato con l’operatore presente nella metro e mi ha detto che ha segnalato la problematica già da giorni ma non si è fatto ancora nulla. Ho controllato alla stazione di San Giorgio: su sei macchinette ne funzionano solo due”.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.