Alassio Andora LaiguegliaAlbengaLoanoSavonaValbormida

In provincia di Savona aumenta il numero dei fogli di via obbligatori adottati dalla Questura

In un’ottica di prevenzione finalizzata a garantire a tutti i cittadini la massima sicurezza in città, nei luoghi di aggregazione e nelle località turistiche, si registra un ulteriore incremento dei provvedimenti di Foglio di Via Obbligatorio adottati dal Questore di Savona.

Il Foglio di Via Obbligatorio, è utile ricordarlo, è una delle misure di prevenzione maggiormente inflittive perché non consente al destinatario della misura di far ritorno nel luogo ove ha manifestato la sua pericolosità sociale. 

Recentemente la misura di prevenzione del Foglio di Via Obbligatorio è stata oggetto di revisione con l’introduzione del cosiddetto “Decreto Caivano” (D.L. del 15 settembre 2023, n. 123) nell’ambito delle “misure urgenti di contrasto al disagio giovanile, alla povertà, educativa e alla criminalità minorile, nonché per la sicurezza dei minori in ambito digitale”. Il Decreto, infatti, prevede, tre le altre novità, l’aumento di un anno della durata massima del divieto di rientro nei comuni dai quali si è stati allontanati (prima era stabilito in tre anni) ed un inasprimento della pena nei casi di violazione del provvedimento di allontanamento, ora stabilita nella reclusione da sei a diciotto mesi (prima era da uno a sei mesi) oltre ad una multa di 1.000 euro. A tal proposito, nei giorni scorsi il Questore di Savona ha dato per la prima volta applicazione al Decreto “Caivano” emettendo nei confronti di un quarantaquattrenne residente nel modenese, tratto in arresto per i delitti di rapina e lesioni personali ai danni di una donna anziana, il Foglio di Via Obbligatorio con divieto di far ritorno nel Comune di Savona per la durata massima prevista dalla novella legislativa e, quindi, per quattro anni. 

Analizzando i dati dell’ultimo anno (settembre 2022-settembre 2023), sono 32 i Fogli di Via Obbligatorio emessi dal Questore di Savona, quindi, si evidenzia un valore in crescita rispetto al periodo precedente pari al 30%.

Il primo foglio di via dell’anno 2023, invece, è stato adottato nei confronti di un trentacinquenne già segnalato per reati in materia di sostanze stupefacenti. A seguire, un ventenne della provincia di Cuneo è stato colpito dalla misura di prevenzione per aver minacciato la sua compagna, coetanea, con una pistola scacciacani. Nel mese di marzo, destinatario della predetta misura è stato un ventenne a seguito dell’arresto in esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare in carcere, in quanto ritenuto responsabile del reato di tentato omicidio in danno di un minorenne, commesso nel Comune di Albissola Marina.

Numerosi sono altresì il FVO adottati nei confronti di soggetti che nel corso dell’anno si sono resi responsabili di reati contro il patrimonio: 4 per furti avvenuti in esercizi commerciali e all’interno della stazione ferroviaria, 2 a seguito di una tentata rapina ai danni di una coppia di anziani e, infine, 2 per insolvenza fraudolenta.

Degno di menzione è il Foglio di Via Obbligatorio emesso nei confronti di un napoletano, arrestato per stalking.

Diversi i provvedimenti emessi nel periodo estivo.

Ad inizio estate, il Questore ha emesso la misura di prevenzione nei confronti di quattro giovani genovesi, poco più che ventenni, per aver partecipato ad una rissa in concorso con altri, tra cui una minorenne. Nei loro confronti è scattato altresì con il divieto di far ritorno nel comune di Savona per un periodo di due anni.

Stesso destino per altre quattro persone (di cui tre residenti in Lombardia e uno in Friuli-Venezia Giulia), protagoniste di una rissa nella spiaggia libera adiacente al piazzale Eroe dei due Mondi, nei confronti del quale il Questore ha emesso altrettanti provvedimenti di Foglio di Via Obbligatorio e di divieto di ritorno nel Comune di Savona, per un periodo da uno a tre anni.

Particolare attenzione è stata poi riservata anche nella riviera di ponente, dove, nel solo periodo estivo sono stati emessi 3 provvedimenti di Foglio di Via Obbligatorio dai comuni di Albenga e Pietra Ligure con divieto di farvi ritorno per un periodo di 3 anni per il reato di resistenza a Pubblico Ufficiale.

A tal proposito il Questore di Savona Alessandra Simone dichiara:<<Le misure di prevenzione rappresentano una risorsa fondamentale per sicurezza sociale perché consentono di monitorare i soggetti con una spiccata pericolosità sociale impedendo loro di reiterare le condotte pericolose prima che queste assumano una valenza penale e, così, garantire maggiore sicurezza ai cittadini>>.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.