Liguria
Tendenza

 In arrivo 10 milioni di euro per le imprese liguri che investono in efficientamento energetico

In arrivo 10 milioni di euro per le imprese liguri che investono in efficientamento energetico. È quanto ha stanziato Regione Liguria, su iniziativa dell’assessore regionale allo Sviluppo economico Alessio Piana, per lo strumento finanziario rientrante nell’azione 2.1.2 del PR FESR 2021-2027.

“Produrre meglio e consumare meno: è l’obiettivo che, in linea con lo schema di Piano Energetico Ambientale Regionale 2030, stiamo da tempo perseguendo per aiutare le imprese a ridurre le emissioni e a contenere i costi energetici – spiega l’assessore regionale allo Sviluppo economico e all’Energia Alessio Piana -. Questi nuovi 10 milioni di euro, che includono tra i potenziali beneficiari anche il mondo della grande impresa per la parte a finanziamento agevolato, si aggiungono a quelli attivati nei mesi scorsi in favore esclusivo delle micro, piccole e medie e degli enti locali”.

“L’invito – aggiunge l’assessore – è quello di sfruttare questa opportunità, che sarà attiva a partire dal prossimo 16 febbraio, che combina strumenti agevolativi come il fondo perduto (a copertura del 43% dell’investimento), il finanziamento a tasso agevolato (a copertura del 45% dell’investimento) e l’abbattimento dei costi di garanzia per rinnovare energeticamente i propri immobili aziendali”.

In particolare, l’amministrazione regionale intende ridurre di almeno il 30% le attuali emissioni inquinanti degli stabilimenti con uno strumento finanziario che per le micro, piccole e medie imprese prevede un mix di agevolazioni (fondo perduto, prestito al tasso dell’1,5% e abbattimento costi garanzia) a copertura dell’88% degli investimenti effettuati per migliorare l’efficienza energetica, per l’adeguamento o la sostituzione di macchinari. Per le grandi imprese l’agevolazione è limitata al prestito a tasso particolarmente vantaggioso a copertura massima dell’80% dell’investimento.

Sono ammissibili ad agevolazione interventi avviati, purché non conclusi a partire dal 1° luglio 2023 nel caso delle micro, piccole e medie imprese, mentre scatta dal 17 gennaio 2024 la retroattività per le grandi. Sono ammessi ad agevolazione interventi per la riqualificazione energetica degli immobili (coibentazione dell’involucro edilizio, sostituzione dei serramenti e delle superfici vetrate, realizzazione di pareti ventilate/giardini verticali/tetti verdi/opere per l’ottenimento di apporti termici gratuiti, installazione di sistemi schermanti e sistemi di climatizzazione passiva, ristrutturazione dell’impianto termico, installazione di sistemi e dispositivi per il controllo automatizzato e la telegestione, efficientamento del sistema di illuminazione o sistemi di trasporto interni, realizzazione di rete di teleriscaldamento diretta all’autoconsumo), riqualificazione energetica degli impianti produttivi per aumentare l’efficacia delle misure di efficienza energetica e limitare il consumo di energia (digitalizzazione, building automation, misurazione intelligente), sostituzione degli impianti e dei macchinari con nuovi e più efficienti.

Gli interventi, per essere ammessi ad agevolazione, non devono essere inferiori ai 20 mila euro in caso di microimpresa, 100 mila euro in caso di piccola, media o grande impresa. L’intervento massimo consentito è di un milione di euro. I progetti d’investimento devono essere, in ogni caso, completati e rendicontati entro il 10 novembre 2024.

Le imprese interessate possono far domanda esclusivamente on line, accedendo al sistema “Bandi on line” di Filse, dal 16 al 29 febbraio 2024. A partire dal 12 febbraio sarà attiva la modalità offline per iniziare a predisporre la candidatura.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.