Albenga
Tendenza

Al Sacro Cuore celebrati i funerali di Antonietta Delfino Bacchetta

Nella chiesa del Sacro Cuore ad Albenga sono stati celebrati i funerali di Antonietta Delfino. Vedova di Giuseppe Bacchetta aveva 95 anni ed era una delle imprenditrici più conosciute del Ponente Savonese per il suo grande impegno nell’azienda di famiglia.                                                                                                            Figura molto conosciuta e stimata nella “Città delle torri”, pochi giorni fa aveva festeggiato il compleanno, il 22 giugno. Aveva lavorato col marito Giuseppe come contabile di una delle aziende più rinomante del comprensorio ingauno: la Tipolitografia Bacchetta di Albenga, che proprio nei giorni scorsi ha compiuto 94 anni. Il primo  luglio del 1929, infatti, il capostipite Pietro Bacchetta diede il via alla attività di famiglia che è poi proseguita di padre in figlio fino ad oggi, passando di mano in mano fino a raggiungere la attuale quarta generazione. Dopo Pietro, Giuseppe e Antonietta hanno fatto crescere l’azienda e successivamente Piero, Teresa, Carlo e Vittorio hanno portato l’attività al livello di eccellenza di oggi. L’azienda infatti attualmente viene scelta da tante aziende e clienti che hanno trovato nella tipolitografia ingauna il luogo ideale per realizzare i propri lavori di grafica e stampa. Ed oggi l’azienda è pronta a passare il testimone alla quinta generazione: Piervittorio, Ginevra e Lorenzo.      Grande lavoratrice e generosa sostenitrice del mondo del volontariato, e dell’associazionismo e dello sport, Antonietta lascia i figli Pier Vittorio e Rosi, la nuora Maria Teresa, il genero Alessandro, i nipoti Carlo, Vittorio, Andrea, Tommaso ed Emilia, il fratello, la sorella e i pronipoti. Il santo rosario era stato recitato il giorno precedente nella camera mortuaria dell’ospedale Santa Maria di Misericordia di Albenga. La nostra redazione si unisce al dolore dei parenti e degli amici per la perdita di una così cara e grande persona. (Nella Foto Daros un momento dei funerali).

 Claudio Almanzi

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.