Savona
Tendenza

Grande successo al “Priamàr Sotterraneo”: oltre 200 persone col Gruppo Speleologico Savonese 

Ben 216 persone sono state accompagnate dal Gruppo Speleologico Savonese alla scoperta dei segreti e delle segrete della Fortezza di Savona, divise in otto gruppi, ciascuno seguito con attenzione da almeno tre speleologi, nella serata di venerdì sera (ultimo evento delle manifestazioni “Estate 2023” promosse dal Comune di Savona) e nel pomeriggio di sabato (in occasione delle “Giornate europee del Patrimonio”).

 Nell’arco di due ore le 216 persone (suddivise in otto gruppi ben distanziati tra loro) hanno percorso oltre 500 metri di cunicoli e gallerie, dalle vaste sale seicentesche della “Falsabraga occidentale di S. Caterina” alle grandi gallerie-rifugio antiaereo della seconda guerra mondiale, fino ai saloni seicenteschi sottostanti il Bastione di S. Bernardo e poi, risaliti da lì nella Piazza d’Armi del Maschio, hanno raggiunto la comunicazione settecentesca dal Fossato della Cittadella al Bastione di S. Francesco e infine hanno percorso anche la galleria del più antico accesso diretto al Maschio della Fortezza, eretta quasi cinquecento anni or sono (tra il 1542 e il 1543).

Sono ormai quarant’anni che il Gruppo Speleologico Savonese, col patrocinio del Comune di Savona, organizza escursioni guidate al “Priamàr Sotterraneo” (la prima venne infatti tenuta nel mese di agosto 1983)

In questi quarant’anni il Gruppo Speleologico Savonese non si è limitato a organizzare visite guidate nei sotterranei, ma (in accordo col Comune di Savona) ha condotto studi, ricerche, rilievi topografici di precisione ed esplorazioni in tutti gli ipogei del Priamàr (non solo nel perimetro dell’attuale Fortezza, ma anche nelle aree circostanti un tempo occupate dalle fortificazioni periferiche).

In particolare negli ultimi anni è stato esplorato e documentato un tratto di oltre 300 metri delle “gallerie di contromina”, la rete di cunicoli che si sviluppava tutto attorno alla Fortezza, allo scopo di intercettare e neutralizzare le “gallerie di mina” che in caso d’assedio un esercito nemico avrebbe scavato per arrivare a minare e far crollare le mura della Fortezza.

Da diversi anni sul “Priamàr Sotterraneo” il Gruppo Speleologico Savonese DLF sta preparando anche un documentario audiovisivo e una pubblicazione (in avanzata fase di redazione, riccamente illustrata con fotografie e accurati rilievi topografici), che consentiranno a chiunque di approfondire la conoscenza dei sotterranei della Fortezza.

Quest’anno, poi, la collaborazione attiva da anni tra il Gruppo Speleologico Savonese e il Comune di Savona si è ulteriormente rafforzata, con il patto di collaborazione che proprio per i sotterranei del Priamàr è stato concordato e approvato dalla Giunta comunale nell’ambito dei “Beni Comuni”, il patto di collaborazione con cittadini ed associazioni deciso e fortemente voluto dall’Amministrazione comunale “per la cura, la rigenerazione, la valorizzazione  e la gestione condivisa” di alcune proprietà comunali.

Non a caso il patto “Beni Comuni” firmato il 10 agosto scorso dal Comune di Savona col Gruppo Speleologico riguarda le  suggestive sale ipogee del semi-bastione di S. Caterina raggiunte ed esplorate già nel 1970 dal Gruppo Speleologico Savonese scendendo un profondo pozzo con le attrezzature speleologiche (allora non era infatti possibile accedervi in altro modo).

I saloni di S. Caterina erano finora noti solo a poche persone ed erano stati veramente pochi i Savonesi e i turisti che finora vi erano potuti entrare, mentre tra il 21 luglio e il 23 settembre, in soli due mesi, il Gruppo Speleologico Savonese ha consentito a ben 453 persone di percorrerli, conoscerli ed apprezzarne la suggestione.

Le iniziative del Gruppo Speleologico Savonese hanno quindi confermato la validità del Patto “Beni Comuni” concordato dal Comune di Savona col Gruppo Speleologico: i saloni bui, sporchi e sempre chiusi sono stati puliti e aperti all’attenzione di centinaia di Savonesi e turisti.

A iniziare dal mese di ottobre, poi, nei suggestivi saloni ipogei di S. Caterina; il Gruppo Speleologico Savonese DLF promuoverà anche momenti di incontri culturali, pure musicali, chiamando a condividere queste esperienze parecchie altre associazioni culturali savonesi, sempre in stretta collaborazione con l’Amministrazione comunale di Savona.

La prossima escursione guidata è fissata al pomeriggio di sabato 21 ottobre p.v.; sarà aperta a tutti coloro che avranno prenotato fino a raggiungere il numero massimo di partecipanti ammissibili (tel. o whattsapp: 338.4951.405)

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.