Liguria
Tendenza

Fiaip Savona, buone prospettive per il mercato immobiliare, ma resta l’incognita delle ristrutturazioni per rispettare la direttiva Ue sulle “case green”



Un mercato immobiliare alle prese con un periodo di trasformazione. Nel Savonese, come nel resto d’Italia, si è verificato un rallentamento delle transazioni tuttavia, scavando a fondo, emerge un divario crescente tra centri cittadini e soluzioni ad alta efficienza energetica che continuano a calamitare la domanda, e immobili più vetusti, che faticano a trovare spazi di mercato anche alla luce della normativa.

La sensazione degli agenti immobiliari Fiaip, la più importante federazione presente in provincia di Savona, è che il peggio sia passato con prospettive migliori per i mesi a seguire e soprattutto con il nuovo anno. «Anche per i più giovani la casa resta in cima ai sogni e in alcuni casi il mattone – afferma Fabio Becchi, presidente Fiaip Savona –
rappresenta un investimento sicuro, una mossa anti-inflazione dato che tenere il denaro in deposito non ha una buona resa».
 

I prezzi delle case, nel corso del primo semestre sono cresciuti dell’1 % (+3,8% nel 2022, rileva l’Istat), un ritmo che, secondo Nomisma, dovrebbe essere confermato per i prossimi mesi e anche nel prossimo biennio. «Ma il mattone – ribadisce Becchi – viene percepito come bene rifugio, ma è chiaro che le banche dovrebbero allargare le maglie con mutui meno severi».

In provincia di Savona c’è una nuova tendenza: molti investono in mono e bilocali per poi locarli ai turisti in modo da assicurarsi una seconda entrata oltre al lavoro. «Lo short rent offre rendimenti del 5-6% netto contro il 3% delle locazioni tradizionali», afferma Gian Battista Baccarini, presidente nazionale Fiaip. Un’analisi che trova d’accordo anche il presidente provinciale Fabio Becchi: «Dal nostro osservatorio emerge i che sono cresciuti gli acquisti di seconde case, un trend che prosegue anche nel 2023. Chi acquista per investire ricorre ad al mutuo solo nel 30 % dei casi contro il 70% degli acquisti prima casa».

In ogni caso, nel Savonese, al di là delle tendenze generali, cresce il divario tra le abitazioni ad alta efficienza energetica che conquistano la domanda e quelle più vecchie che non sempre sono adeguate alla richiesta. Un fenomeno che riguarda tutta Italia dovuto alla proposta di direttiva europea “case green” che prevede l’obbligo di raggiungere quantomeno la classe energetica “E” entro il 2030 e la “D” entro il 2033. Considerato che gli immobili costruiti prima degli anni Ottanta sono quasi tutti in classe “F” o “G” e dovranno subire pesanti ristrutturazioni.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.