Albenga
Tendenza

Editoriale/Anche questa volta non li abbiamo visti arrivare

Anche questa volta ci dimostriamo lenti, prevedibili, poco empatici e privi di fantasia, si il centrodestra arranca, il centro sinistra , la sinistra, è più viva che mai.

Mi è capitato, pochi giorni fa, di andare alla pastasciutta antifascista, un pò di storia, la pasta antifascista è una tradizione, fu un gesto simbolico per festeggiare la fine della dittatura e l’ inizio della liberazione. La pastasciutta divenne così un simbolo di resistenza. La tradizione di distribuire pastasciutta in occasione è rimasta viva ancora oggi, ed io ho presenziato ad Albenga , in piazza San Michele, durante questo evento tradizionale. Sarà perché sono nato il 25 aprile, però io ho tanti amici di sinistra con cui mi trovo benissimo, mi diverto ed ho anche scambi di opinioni costruttive, ho più amici nella sinistra che non nella destra, anzi forse qui ho più nemici che amici.

L’ altra sera, durante la cena antifascista, ho visto bella gente, anche giovani, tanta compostezza e allegria, certo i tempi sono cambiati, ho notato tanti Rolex al polso tra i commensali mangiatori di pastasciutta antifascista, quasi più Rolex in quel banchetto di matrice sinistra ( la serata era organizzata dall’ ANPI), che nelle vetrine di Severi, ma poco conta, quello che conta che la destra non ha iniziativa popolare tradizionale.

Eppure di occasioni temporali per creare eventi anti comunisti ce ne sarebbero molti, non contro quel legittimo comunismo costituzionale e partitico italiano che tanto bene ha fatto per il nostro paese, ma contro quel comunismo criminale, simbolo di una ideologia che ha fallito ovunque e ha portato solo miseria morale e materiale. Non vi è cultura in questa direzione e la colpa è anche nostra che non abbiamo saputo portare avanti questo tipo di ricordo. Le librerie hanno 300 titoli sui lager nazisti e sulle nefandezze fasciste ( e dico io giustamente) ma non hanno neanche una copia di Arcipelago Gulag o dei racconti della Kolima.

Il comunismo ha commesso ogni genere di crimine, è stato calcolato che il comunismo abbia causato 100 milioni di morti. L’ URSS è crollata senza processo, la Russia non ha fatto il lavoro della memoria, non c’è stata una “ Norimberga per il comunismo”. I regimi comunisti sono sempre stati perdonati a causa della purezza delle loro intenzioni. Un esempio che vede noi italiani coinvolti in prima persona, le “FOIBE”; almeno 10000 persone furono, a cavallo dell’ anno 1945, torturate e uccise a Trieste e nell’ Istria controllata dai partigiani comunisti di Tito, solo perché italiani o anticomunisti, vennero gettate( molte ancora vive) dentro le voragini naturali disseminate sull’ altopiano del Carso, le “FOIBE”. Si ci sono molte iniziative a ricordo di questa immane tragedia, ma evanescenti, questa è una pagina dimenticata nella storia d’ Italia, Il centrodestra non ha saputo trasformare questo incubo in una tradizione per stare insieme su tutto il nostro territorio, anche solo per mangiare e ricordare insieme.

Ne dobbiamo mangiare ancora di pastasciutta.
Bruno Robello De Filippis

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.