Liguria
Tendenza

Due giorni di studio, analisi e condivisione sul settore artigiano cura di Cgil Liguria e Fondazione Di Vittorio

Si terrà martedì 6 giugno con inizio alle ore 14,30 e mercoledì 7 giugno a partire dalle ore 9 presso il Tower Hotel Genova Via Pionieri e Aviatori d’Italia 44, la due giorni di studio sul settore artigiano dal titolo “Pop.Art: proposte per l’Artigianato”.

All’iniziativa, di carattere nazionale, organizzata da Cgil e Fondazione Giuseppe Di Vittorio parteciperanno i delegati sindacali del settore artigiano di tutte le province liguri e della Sardegna. A partire dall’analisi del settore, l’obiettivo è quello di estendere la contrattazione e la rappresentanza di questo importante settore produttivo che a livello nazionale occupa 3 milioni di addetti.

In Liguria le imprese artigiane attive nel 2022 sono state 42.999 su 133.942 totali pari al 32,1% di tutte le imprese attive in Liguria. La percentuale più alta del nord ovest. Il settore artigiano rappresenta dunque un pilastro dell’economia italiana che produce ricchezza, esprime talenti e saperi, professionalità. In Liguria, come in altri territori, manca la contrattazione regionale e molto si può fare sul tema della rappresentanza. Per approfondire e tracciare le linee guida del sindacato nel comparto è stata organizzata la due giorni di studio a Genova durante la quale, attraverso il seminario interregionale sarà approfondito il contesto, l’esperienza dei territori e le proposte per l’azione sindacale nell’artigianato.

All’iniziativa intervengono: Maurizio Calà Segretario Generale Cgil Liguria e chiudono le due giornate Claudio Sala Responsabile Coordinamento Nazionale Artigianato Cgil e Nicola Marongiu Coordinatore Aera della Contrattazione e del Mercato del lavoro Cgil Nazionale. L’iniziativa è svolta in collaborazione con Fondartigianato.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.