Albenga
Tendenza

Cpr, la replica della maggioranza Tomatis a Podio e centrodestra

"Vergognose le parole di Podio e della banda che lo circonda e probabilmente guida

“Vergognose le parole di Podio e della banda che lo circonda e probabilmente guida, dato che non ci ricordiamo suoi interventi o la sua presenza anche solo da cittadino interessato alla “cosa pubblica” in praticamente nessuno dei momenti che hanno segnato Albenga negli ultimi 5 anni” A dirlo la nota della maggioranza del sindaco uscente Tomatis che aggiunge: “A parte il consigliere Distilo, dov’erano tutti gli altri quando abbiamo fatto l’assemblea pubblica davanti alla Caserma Piave?
C’eravamo noi. E c’eravamo sin dal primo momento.
Ci siamo mossi subito, abbiamo coinvolto i cittadini, abbiamo dato incarico ad un legale e formulato richiesta di accesso agli atti per essere informati di ogni atto che potesse riguardare il nostro territorio.
Parallelamente abbiamo incontrato Cassa Depositi e Prestiti insieme ai progettisti del Masterplan di Vadino. Abbiamo iniziato a guardare al futuro della Caserma Piave e proposto idee e soluzioni applicative.
Cosa hanno fatto i consiglieri di minoranza per Albenga se non denigrarla in ogni modo ed occasione”?
Mi dispiace a queste falsità non ci sto.
In questi 5 anni in tante occasioni ho deciso di non rispondere ad attacchi infondati e strumentali. L’idea era quella di non dare ulteriore visibilità a considerazioni che non lo meritavano, ma non potevo non intervenire di fronte ad un articolo come quello uscito oggi.

Oltre a volersi prendere meriti millantando non so quali contatti con la Meloni che sicuramente ha preso la sua decisione ascoltando Ciangherotti, non ne abbiamo dubbi, non hanno perso occasione per dire che Albenga è insicura, cosa oggettivamente falsa.
Ma di più, hanno voluto ancora una volta cercare di confondere i cittadini (ribadiamo ai consiglieri di minoranza: gli albenganesi ormai hanno capito la realtà dei fatti e sanno distinguere le vostre false parole dai fatti) parlando del centro di primissima accoglienza e paragonandolo ad un CPR.
Vergogna.
Non ci sono altre parole.
Solo una riflessione finale sul punto che riguarda l’intero nostro comprensorio: realizzare un CPR è sbagliato proprio per le caratteristiche intrinseche di una struttura come quella. Realizzarlo in Liguria e sulla costa è ancora più sbagliato.
Ragionare per compartimenti stagni e pensare che Diano sia in un altro “mondo” rispetto a noi evidenzia solo una visione miope del comprensorio.
Quindi sicuramente siamo riusciti, grazie alle nostre concrete azioni, a non far realizzare il CPR nella Caserma Piave ed è una importante vittoria, ma il fatto che venga realizzato a Diano mostra solo l’ennesima scelta sbagliata e scellerata del Governo.

Peraltro questa cosa ci preoccupa: se fossero loro (Podio, Ciangherotti,  Porro e Distilo ad amministrare), accetterebbero supinamente tutte le decisioni prese da Regione e Governo, come hanno fatto con l’ospedale con Toti”?

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.