Uncategorized
Tendenza

Cinquantenne in manette per aver truffato un’anziana di 40 mila euro

Tutto era iniziato con una telefonata di un finto “nipote” che aveva contattato al telefono una donna ottantaseienne. Segnalava l’urgenza di una costosissima pratica da effettuare presso l’ufficio postale. Convincendola a dargli quanto più oro e contante potesse avere in quel momento è stata derubata di collane, anelli, spille, monete, orologi, per un valore di 40 mila euro. I ricordi di una vita erano spariti in un lampo. Ma, grazie alle indagini della squadra mobile della questura di Savona, è stato possibile individuare e arrestare il truffatore un cinquantenne. L’uomo è stato fermato a Milano in collaborazione con gli agenti della polizia ferroviaria. Dopo il colpo era fuggito in treno verso Nord. Ora è in carcere con l’accusa di truffa aggravata. L’anziana ha ringraziato i poliziotti. Nonostante l’agitazione del momento si era resa conto che la richiesta era sospetta e con il cellulare aveva chiesto aiuto. Una segnalazione provvidenziale perché la fuga in treno e il viaggio verso Milano è stato costantemente monitorato concluso appunto alla stazione di Milano Centrale. Ad attenderlo con le manette pronte c’erano i poliziotti della squadra mobile di Savona e della polfer. Una volta fermato e controllato è stato trovato in possesso della refurtiva. L’immediata segnalazione da parte dell’anziana che non si è persa d’animo, ha portato non solo all’arresto del sospettato truffatore, ma ha permesso anche il recupero della refurtiva che le è stata restituita. La questura di Savona invita ancora una volta a segnalare tempestivamente eventuali telefonate con richieste sospette di contanti o gioielli e sottolinea che la prima regola da seguire è : in caso di dubbio, se uno sconosciuto si mette in contatto con voi o vi ferma per strada o suona alla porta e chiede di entrare in casa, bisogna sempre chiamare il numero europeo unico di emergenza 112.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.