Albenga

Ciangherotti punta l’indice contro le strade groviera di Albenga

“Dopo la mia videodenuncia a mezzo stampa dello scorso giugno, ieri mattinata finalmente sono iniziati i lavori di asfaltatura nel primo tratto della strada delle Campore, situata nella frazione di Campochiesa, nel tratto che collega la polveriera al campeggio Bellavista. Peccato, però, che l’amministrazione guidata dal sindaco Tomasi si limiti a rifare i primi 140 metri di strada, lasciando completamente incompiuta la parte restante della via. Un comportamento meschino, che dimostra la chiara intenzione della giunta di provare ad ingannare i cittadini in vista delle elezioni”. Lo dichiara il consigliere comunale e coordinatore albenganese di Forza Italia Eraldo Ciangherotti.

Il capogruppo forzista ha effettuato un sopralluogo lungo la strada che già lo scorso giugno era stata oggetto di sue numerose segnalazione: “Forse Riccardo Tomatis sottovaluta l’intelligenza dei cittadini – spiega Ciangherotti -,  i quali, sfortunatamente per lui, hanno ben compreso che il rifacimento parziale della strada di Campochiesa, oltre a mettere in pericolo la sicurezza di chi percorre quel tratto, è solo un artificio ingannevole a pochi mesi dalle elezioni”.

“In aggiunta a questa ulteriore presa in giro da parte dell’amministrazione albenganese – aggiunge il coordinatore forzista -, la situazione di altre strade della città è semplicemente vergognosa. Via Trieste, già segnalata, è solo un esempio; questa mattina, con il Consigliere Porro siamo stati chiamati a verificare altrettanto evidenti criticità in via Isonzo e pure in viale Pontelungo, dove buche e dislivelli costituiscono una minaccia quotidiana per la sicurezza dei cittadini e causano danni importanti agli organi meccanici dei veicoli”.

Secondo Ciangherotti, infine, “è profondamente scorretto procedere con dei ‘tapulli elettorali’ e superficiali – conclude – lasciando opere incompiute solo per creare nei cittadini l’illusione che qualcosa sia stato effettivamente realizzato. Capisco che il sindaco Tomatis, spaventato dall’idea di dover appendere la fascia tricolore al chiodo, sia disposto a fare qualsiasi cosa pur di rimanere al potere, ma ingannare i cittadini e mettere a rischio la loro sicurezza non può essere tollerato”.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.