Alassio Andora Laigueglia

Caso acqua Andora, ora interviene il circolo Fratelli d’Italia Andora Val Merula


Il Circolo Fratelli d’Italia di “Andora Val Merula”, riunitosi in data 31 Luglio u.s., all’unanimità ha
approvato il seguente documento:
Il Circolo Fratelli d’Italia di “Andora Val Merula”
Rilevato– che la Comunità Ligure ed i suoi amministratori non hanno la piena consapevolezza della gravità della situazione di approvvigionamento idrico della città, che da troppo tempo subisce gravissimi danni non soltanto alla sua economia ma addirittura vede
messa a rischio la salute dei suoi abitanti;
– che i provvedimenti sino ad ora previsti per rimediare alla situazione sono diluiti nel
tempo (il nuovo collegamento con l’acquedotto del Roja prevede lunghissimi tempi
di realizzazione) e di dubbia efficacia (i dissalatori acquisiti in affitto dal Comune a
caro prezzo funzionano a ritmo ridotto).

Presente alla riunione del Circolo anche il Sindaco di Stellanello, nella doppia veste di iscritto al Circolo e di Commissario Provinciale, che ha dichiarato: “Acqua dolce per tutti? certo è l’obbiettivo, ma come? facile cavalcare la protesta, soprattutto da chi quando ha avuto la possibilità di governare a livello nazionale ha creato solo casini. Una proposta deve essere concreta ed attuabile da chi con fatica ed impegno, cerca quotidianamente di amministrare per andare incontro alle esigenze dei propri cittadini.”
ritenuto – che mentre i cittadini hanno il diritto di esprimere anche pubblicamente la loro
giusta protesta, le forze e i movimenti politici hanno il dovere di dare il loro contributo di idee e proposte per una soluzione definitiva del problema e pertanto, stigmatizzato il palese tentativo di cavalcare la situazione a soli fini elettorali con sterili manifestazioni di piazza;
pone l’accento sulla necessità di una soluzione definitiva della crisi, che non potendo
dipendere dai soli capricci della natura, non può non fare riferimento alla esigenza
imprescindibile del reperimento di una fonte di approvvigionamento idrico ulteriore
dal levante, ricco della possibilità di fornitura di acqua e con ridotti tempi di allaccio;
chiede l’attenzione degli amministratori e della cittadinanza su tale ipotesi progettuale che
consentirebbe in tempi ridotti il superamento temporaneo della crisi e, all’esito dei
lavori previsti per l’acquedotto del Roja, una soluzione definitiva per la città attraverso una duplice fonte di approvvigionamento idrico.
Andora, 2 Agosto 2023
Il Presidente del Circolo
Gianni Carbone

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.