Savona
Tendenza

Arrestato dalla Squadra Mobile l’uomo che ha ceduto l’arma del femminicidio del 6 maggio scorso


Nell’ambito dell’attività investigativa avviata in merito al femminicidio  del 6 maggio scorso nei giardini delle Nazioni, i poliziotti della Squadra Mobile, dopo un’articolata indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica di Savona,  hanno arrestato un cinquantenne, italiano, pregiudicato, in esecuzione ad ordinanza del GIP del Tribunale di Savona, emessa su richiesta del Pubblico Ministero, che ha disposto la misura di custodia cautelare in carcere per i reati di ricettazione e cessione di arma clandestina.

Si chiude così il cerchio di un’indagine avviata subito dopo il femminicidio della giovane Danjela Neza, uccisa da Safaiou Sow con due colpi di arma da fuoco esplosi da una pistola la cui provenienza non era stata chiarita.

Gli investigatori della Squadra Mobile, con il coordinamento della Procura, si sono concentrati sugli ultimi contatti dell’omicida e su come possa essersi procurato l’arma. Nello sviluppo dell’indagine hanno raccolto una serie di gravi indizi a carico dell’uomo che, dietro compenso, gli avrebbe ceduto  l’arma con la matricola abrasa, completa di munizioni.

I riscontri raccolti dagli investigatori hanno quindi consentito  all’Autorità Giudiziaria di emettere il provvedimento restrittivo, a quel punto i poliziotti hanno immediatamente rintracciato l’uomo, il pomeriggio stesso, mentre rientrava nella sua abitazione di Vado Ligure.

Dopo alcuni accertamenti l’arrestato è stato portato nel carcere di Imperia a disposizione dell’A. G.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.