Loano
Tendenza

Arrestate dai Carabinieri di Borghetto Santo Spirito due persone soprese con carte di credito rubate

I fatti risalgono allo scorso venerdì pomeriggio, quando un uomo e una donna sono stati arrestati a Toirano poiché trovati in possesso di tre carte di credito intestate a terze persone, oltre a circa 1.600 euro in contanti.

Si tratta di una 55enne e di un 62enne, già noti alle Forze dell’ordine, entrambi residenti nel torinese, e sono stati indagati di indebito utilizzo, in concorso, di strumenti di pagamento diversi dai contanti.

In particolare, una pattuglia della Stazione Carabinieri di Borghetto Santo Spirito, durante un servizio di perlustrazione finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori, nel transitare nel centro di Toirano si è insospettita dall’atteggiamento avuto da un uomo, con in testa un  berretto da “pescatore” di colore verdone, che trovandosi in una posizione defilata a ridosso del muro perimetrale di una abitazione, alla vista dei militari si incamminava in direzione mare portando il cellulare all’orecchio.

Raggiunto dopo pochi istanti dai Carabinierinelle vicinanze di un’autovettura Opel Corsa, di colore argento, veniva fermato ed identificato in un 62enne pregiudicato proveniente dal torinese.Visto l’atteggiamento assunto dall’uomo alla vista dei militari, presumendo che non fosse da solo,interveniva un’altra pattuglia del Comando Stazione di Borghetto Santo Spirito, che, all’intero di un vicino bar, identificava una 55enne, anch’ella pregiudicata, sempre residente nel torinese, risultata poi essere la cognata del 62enne.

I militari dell’Arma, notando evidenti segni di nervosismo da parte dei due, hanno approfondito i controlli trovando addosso all’uomo una carta postepay evolution e la somma di denaro di340Euro. Nella disponibilità della donna veniva inoltre trovata la chiave di accensione dell’Opel Corsa, la somma di Euro 1195, nonché 50 Dollari Americani, 10 Franchi Svizzeri e 2 banconote del taglio di Euro 500 palesemente false. All’interno dell’autovettura,invece, venivano trovate tre carte di credito per le quali i due non fornivano giustificazioni, ma, attraverso i nominativi sui predetti strumenti di credito/pagamento, i carabinieri sono riusciti a risalire alla loro proprietaria, una donna titolare di una ditta, che diceva di averle date in uso a un suo dipendente. Quest’ultimo, contattato dai militari, riferiva che proprio quella mattina le carte gli erano state rubate dall’interno della sua vettura parcheggiata a Bardineto (SV), dove stava lavorando insieme ad altri operai. Rinvenuta anche una forbice del tipo da elettricista, verosimilmente utilizzata dai due per forzare la serratura dello sportello dell’autovettura dell’operaio.

All’esito degli accertamenti, i due fermati venivano arrestati e temporaneamente ristretti all’interno delle camere di sicurezza della Compagnia CC di Albenga, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Savona, in attesa della celebrazione del rito direttissimo, conclusosi sabato mattina con la convalida dei provvedimenti di polizia.

Il procedimento è attualmente nella fase preliminare, i provvedimenti finora adottati non implicano la responsabilità degli indagati non essendo stata assunta alcuna decisione definitiva da parte dall’autorità giudiziaria.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.