Alassio Andora Laigueglia

Ancora niente acqua dal Roja: ordinanza di Demichelis per rinnovare il noleggio del desalinizzatore

 Il sindaco di Andora Mauro Demichelis ha firmato questa mattina un’ordinanza che ingiunge agli uffici di proseguire con il noleggio del dissalatore, in prima battuta affittato per soli 60 giorni, stante la promessa di Rivieracqua di risolvere il problema. Inoltre, ordina a Rivieracqua di fornire maggiore acqua dall’acquedotto del Roja.

Di fatto la siccità prosegue e nonostante, nell’imperiese, i lavori sulla vasca di accumulo di Cervo, che dovrebbe garantire più acqua, pare siano terminati, Andora non sta ricevendo i quantitativi necessari a garantire acqua dolce a tutto il territorio.

 “Non possiamo far mancare ad Andora il dissalatore che è  l’unico presidio a contenimento del cuneo salino, visto che, nonostante le ripetute promesse fatte nel corso delle riunioni che si sono tenute anche nelle scorse settimane, Rivieracqua non sta garantendo ai cittadini la fornitura dall’acquedotto del  Roja degli ulteriori 4000 MC, che migliorerebbero la qualità dell’acqua – spiega Demichelis – L’acqua dolce prodotta dal dissalatore aiuta a mantenere i livelli dei cloruri entro i limiti di legge, ma Rivieraqua deve assolutamente intervenire in tempi brevi e prima che Andora registri il picco di presenze turistiche. Il nostro comune ha necessità della maggiore quantità possibile di acqua dolce e vigileremo affinché questo sia una priorità per Rivieracqua, visti gli ingenti investimenti fatti dall’ente. L’acqua prodotta dal dissalatore deve essere ben gestita e distribuita sul territorio e integrata con quella dell’acquedotto del Roja al cui rifacimento Andora ha garantito fondi. Le attività ricettive, bar e ristoranti hanno acquistato scorte di acqua per contrastare le giornate in cui la fornitura è più sapida, ma questo deve essere una eccezione e non la regola, visto che le bollette arrivano comunque e arrivano salate. Rivieracqua aveva promesso anche la distribuzione di bottiglie di minerale, ma queste sono ancora stoccate da mesi in un magazzino. I cittadini, i proprietari delle seconde case – prosegue Demichelis – non capiscono come mai a distanza di un anno Rivieracqua non riesca a garantire acqua dolce a un territorio che paga al gestore 3 milioni di euro di bollette all’anno. E’ comprensibile che siano arrivati a chiedere di cambiare gestore“.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.