AlbengaLOKKIOdiRobertoTomatis
Tendenza

Albenga, una candela accesa sopra il tubo del gas: per il padrone di casa è un atto intimidatorio

Il destinatario del “messaggio” è colui che, smartphone alla mano, trascorre parte del suo tempo libero a denunciare degrado e atti che sviliscono la città.

di Roberto Tomatis. Una candela accesa sopra il tubo del gas nel centro storico di Albenga, dove abita “Lui”, la persona che denuncia costantemente inefficienze, degrado e atti vandalici in città. 

Il fatto gravissimo è accaduto in pieno giorno nella città delle torri e, per questa persona a cui è indirizzato il “messaggio”, potrebbe trattarsi di un atto intimidatorio, volto a “spegnere” la sua costante attività per le strade di Albenga. 

Trascorre il suo tempo libero con lo smartphone alla mano per denunciare degrado, sporcizia, mancanza di cura e atti vandalici, sempre attento a chi usa comportamenti che ledono al decoro cittadino, per renderli pubblici attraverso testimonianze sulle pagine social locali che gestisce.

Non passa giorno che non dia un occhio al fiume Centa, con i suoi bivacchi, i rifiuti abbandonati, anche ingombranti. Un giro in diversi orari della giornata nel centro storico, per “pizzicare” chi urina nei vicoli o getta rifiuti e mozziconi di sigarette a terra, chi abbandona bicchieri di plastica vuoti qua e là, chi, da ubriaco la notte, vandalizza dehors e arredi urbani e chi, bombolette spray alla mano, imbratta i muri della città. 

La sua è un’autentica crociata contro chi compie azioni che degradano la città. Purtroppo, Albenga non è solo teatro di eventi. Ad Albenga accade anche questo. Ma cosa sarebbe successo se qualcuno non si fosse accorto in tempo che c’era una candela sul tubo in rame del gas?

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.