AlbengaLOKKIOdiRobertoTomatis
Tendenza

Albenga, minacce di morte al candidato sindaco Podio

La politica dovrebbe essere un confronto di idee e proposte, soprattutto in una giornata come quella del 25 Aprile, non un campo di battaglia dove si usano minacce e intimidazioni

 di Roberto Tomatis. Questa mattina, 25 aprile, sul lungofiume Centa, ad Albenga, un’amara sorpresa per il candidato sindaco Nicola Podio: il muro è vergato con la scritta “Podio morto”, un fatto grave e inaccettabile, che mette in pericolo non solo la vita di una persona, ma anche la democrazia stessa. La politica dovrebbe essere un confronto di idee e proposte, soprattutto in una giornata come quella del 25 Aprile, non un campo di battaglia dove si usano minacce e intimidazioni. 

La speranza è che le istituzioni prendano provvedimenti per garantire la sicurezza del candidato, garantendo un clima sereno della campagna elettorale e condannino con fermezza chiunque si macchi di atti del genere.

La violenza non può e non deve avere spazio nella nostra società, soprattutto quando si tratta di minacce di morte rivolte a chi ha il coraggio di mettersi in gioco e candidarsi per amministrare Albenga. La libertà di espressione e di partecipazione politica sono valori fondamentali che non possiamo permettere vengano messi in discussione da comportamenti criminali.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.