Alassio Andora Laigueglia
Tendenza

Alassio: venerdì 12 aprile l’Istituto “Giancardi Galilei Aicardi” ospiterà la finale del concorso “Metti un fiore in tavola”

Evento inserito nella quinta edizione del Festival Nazionale Cucina con i Fiori

L’edizione 2024 del Concorso di Cucina con i fiori eduli è un progetto promosso dal Comune di Alassio in collaborazione con l’Istituto IIS Giancardi Galilei Aicardi di Alassio e dall’Associazione Ristoranti della Tavolozza. Le scuole partecipanti a questa edizione, oltre all’istituto alassino, che ospita la manifestazione, sono gli istituti di Biella e di Clusane d’Iseo in provincia di Brescia. L’obiettivo del concorso, giunto alla quinta edizione, è di valorizzare l’aspetto gastronomico dei fiori, una delle maggiori ricchezze dell’intera Riviera del Ponente ligure e protagonista, anche per il 2024, dell’importante evento nazionale della Città di Alassio, il Festival Nazionale Cucina con i Fiori.

I fiori eduli saranno utilizzati dalle brigate di cucina iscritte al concorso come ingrediente principale delle preparazioni e non come semplice abbellimento della presentazione del piatto.

La prova si svolgerà venerdì 12 aprile con inizio alle ore 11.00 e i concorrenti avranno a disposizione per la prova complessivamente 70 minuti per la preparazione della ricetta in gara. Un premio speciale “Chees &Flowers” è previsto per il miglior accostamento tra formaggi e i fiori eduli.

La giuria ha come presidente Alessandra Baruzzi, giudice internazionale di cucina e Coordinatrice nazionale di Lady Chef, e sarà coordinata da Claudio Porchia, giornalista e presidente Associazione Ristoranti della Tavolozza. Insieme a loro in giuria anche lo chef Gianfranco Calidonna (Roma), la giornalista e divulgatrice agroalimentare Renata Cantamessa; lo chef Francesco Luise (Brescia); la coordinatrice “Lady Chef Piemonte” Caterina Quaglia e l’organizzatrice del concorso nazionale “Un Fiore nel Piatto” Loretta Tabarini.

Per la valutazione della prova la giuria prenderà in considerazione i seguenti criteri: presentazione; corretta preparazione; valorizzazione della presenza dei fiori; armonia tra gli ingredienti e gusto e sapore.

“Mantenere viva la partecipazione a questa bellissima iniziativa è per l’Istituto un onore – dichiara il professor Massimo Salza, Dirigente Scolastico dell’Istituto Alberghiero Alassino – È il modo per coniugare due delle sue anime: la cucina, dell’Alberghiero, e la coltivazione floreale, patrimonio dell’Agrario. Senza dimenticare la collaborazione, ormai stabile e continua, con il territorio ed il Comune di Alassio. Quest’anno si aggiunge la possibilità di stringere rapporti di amicizia e di collaborazione con i vicini da casa piemontesi. Una bellissima opportunità per tutti gli studenti”.

Sul tema dell’utilizzo dei fiori eduli in cucina – aggiunge il Consigliere alle Politiche Scolastiche del Comune di Alassio, Fabio Macheda – l’Istituto Giancardi Galilei Aicardi oggi può vantare importanti conoscenze e competenze, che impreziosiscono la sua grande tradizione nel settore gastronomico e alberghiero. L’Istituto rappresenta infatti una vera e propria eccellenza non solo sul territorio ma a livello nazionale e oltre, come dimostrano gli importanti riconoscimenti raccolti in Italia e a livello internazionale, ed è un vero e proprio fiore all’occhiello di Alassio. Siamo orgogliosi di offrire nella nostra città, per chi desidera intraprendere una carriera in cucina, una formazione di così alto livello”.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.