Uncategorized
Tendenza

A partire da lunedì 3 luglio per elettrocardiogramma (Ecg) o un holter, ci si potrà rivolgere direttamente in farmacia

A partire da lunedì 3 luglio i cittadini che avranno necessità di fare un elettrocardiogramma (Ecg) o un holter, cardiaco o pressorio, potranno recarsi, con la ricetta medica, direttamente in farmacia. La Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Sanità Angelo Gratarola, ha infatti approvato il cronoprogramma delle attività sperimentali della ‘Farmacia dei Servizi’. Tale progetto prevede la realizzazione in farmacia di tutta una serie di servizi, finanziati da un apposito fondo nazionale, volto a dare sempre più rilievo alle farmacie come presidi sanitari territoriali. La maggior parte del fondo è stato destinato, di comune intesa tra farmacie e Regione Liguria, alle prestazioni di telecardiologia, con l’obiettivo di ridurre, anche in questo campo, le liste d’attesa.
Da lunedì il cittadino potrà recarsi presso le farmacie che svolgono questo servizio e usufruire di queste prestazioni, che sono a totale carico del Servizio Sanitario Regionale/Nazionale: sarà necessario presentare semplicemente la ricetta medica. Si tratta di oltre 24.000 esami da usufruirsi fino ad esaurimento delle risorse disponibili, con l’obiettivo di rendere questo servizio “convenzionato”, non solo presso le strutture pubbliche o i centri accreditati, ma anche in farmacia.
“Regione Liguria ha compreso prima di altri che le farmacie, protagoniste nella campagna vaccinale e di screening durante la pandemia, sono uno strumento strategico per raggiungere il cittadino e semplificare il suo rapporto con il sistema sanitario – dichiarano il presidente della Regione Giovanni Toti e l’assessore alla Sanità Angelo Gratarola – Dopo la distribuzione dei farmaci salvavita, la dematerializzazione della ricetta, la distribuzione dei presidi per il monitoraggio della glicemia, arrivano i nuovi servizi di telecardiologia che rendono la Liguria la prima regione in Italia ad attivare questo tipo di prestazioni. Le farmacie coinvolte su tutto il territorio regionale complessivamente sono 269, garantendo una copertura completa del territorio: di queste, 258 forniranno il servizio di Ecg, 227 l’holter pressorio e 223 l’holter cardiaco. Siamo di fronte alla nuova tappa di un percorso che ci porta nella direzione della Farmacia dei Servizi”.
“Il ruolo delle farmacie è cambiato e si è ampliato da tradizionale e capillare punto di distribuzione del farmaco anche a primo presidio per la tutela della salute del cittadino, con possibilità di introdurre nuove prestazioni erogabili dalle farmacie territoriali: questa è la nuova ‘Farmacia dei servizi – dichiara la direttrice della Struttura complessa politiche del farmaco di Alisa Barbara Rebesco – Con l’Accordo della Conferenza Stato Regioni sottoscritto nel marzo 2022, sono state approvate le linee di indirizzo per la sperimentazione dei nuovi servizi delle farmacie di comunità ed è stata prevista la partecipazione di tutte le regioni al progetto e un finanziamento dedicato. L’accordo prevede che ogni regione dovrà sviluppare i diversi ambiti di intervento con le modalità e le tempistiche meglio individuate. Regione Liguria e Alisa hanno ritenuto di sviluppare in maniera rilevante i progetti relativi ai servizi di telemedicina: grazie a un protocollo sperimentale sarà infatti possibile usufruire in prima battuta dei servizi di ECG, Holter cardiaco e Holter pressorio, presso le farmacie convenzionate della Regione Liguria aderenti”.
“Si tratta di un progetto innovativo – commenta Elisabetta Borachia, presidente di Federfarma Liguria – che rafforza sempre di più il ruolo della farmacia come parte integrante del servizio sanitario regionale e che può dare un supporto di grande valenza in un ambito così importante come quello della prevenzione cardiovascolare e del controllo delle terapie in atto. Ricordo che i nuovi servizi di telecardiologia si aggiungono ad un altro bel progetto avviato da poco, relativo alla possibilità per i pazienti diabetici di ritirare in farmacia i presidi per il controllo della glicemia (strisce, lancette, siringhe), anziché recarsi presso le Asl: i riscontri ricevuti finora ci dicono che il servizio è veramente molto apprezzato dalla popolazione. Per la telecardiologia le farmacie si sono attivate da tempo, predisponendo appositi corsi di formazione in collaborazione con l’Ordine: ci auguriamo che, esaurita la fase sperimentale, questi servizi così preziosi per la cittadinanza possano diventare strutturali e per questo continueremo a lavorare insieme a Regione Liguria, Alisa, Liguria Digitale e tutti gli altri stakeholder coinvolti”.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.