Cultura

A Castello Mackenzie di Genova l’inaugurazione della VII stagione de La Voce e il Tempo 

Settima stagione per La Voce e il Tempo, la rassegna musicale genovese in programma dal 29 settembre al 30 novembre 2023. Undici gli appuntamenti in programma che si muoveranno tra il repertorio antico e la sperimentazione contemporanea, in interazione con il teatro e con la poesia. 

Il concerto inaugurale si terrà venerdì 29 settembre alle 21.00 nell’esclusiva sede di Castello Mackenzie, grazie alla collaborazione tra Cambi Sas e Associazione Musicaround, ente organizzatore della stagione: sarà occasione per sentir risuonare tra le ampie colte dello scalone stile liberty le note di strumenti antichi: viole da gamba, clavicembalo, violino, tiorba, e naturalmente la voce. Due famiglie di musicisti – gli Eguez (Eduardo Eguez, Sabina Colonna Preti, Carolina Eguez) e i Rigano (Paolo Rigano, Cinzia Guarino, Andrea Rigano), oltre al violino di Francesco Coletti e alla voce di Debora Troìa – festeggiano il ventennale della loro attività con un variegato programma – da Monteverdi a Piazzolla – dal titolo LAbbandonata, che omaggia Penelope, simbolo della forza delle donne sole. La formazione raduna due ensemble (La Chimera e Musicamente/Arianna Art Ensemble) che con questo progetto celebrano i vent’anni di attività.

La stagione prosegue il giorno seguente, sabato 30 settembre alle 17.00 nel Cortile di Palazzo Lomellino in via Garibaldi andrà in scena Verde Barocco: un delicato programma ispirato dal mondo vegetale per la voce e la tiorba di Francesca Benetti, già applaudita a Genova con Il Concerto di Margherita. Protagoniste di Verde Barocco sono la tiorba e la voce di Francesca Benetti, la musica tra rinascimento e barocco e la natura come fonte di ispirazione artistica. Il programma, che include musiche di Kapsberger, Merula, Castoldi, Piccinini, Gabrieli, esalta gli affetti musicali del testo attraverso i secoli, facendo rifiorire la pratica storica del canto accompagnato. Le figure retoriche legate al mondo vegetale diventano speciali portavoce di «visioni» consolatorie di forte carica espressiva. 

«La Voce e il Tempo è parte di un progetto di continua diffusione della musica vocale che Musicaround realizza da molti anni con sempre più ampie collaborazioni sul territorio nazionale e internazionale -spiega Vera Marenco. Per questa settima edizione abbiamo puntato sulla coralità, sul teatro, sulle molte presenze femminili, il tutto in forte dialogo con la contemporaneità.»

Il cartellone prosegue fino al 30 novembre con altri 9 appuntamenti in altrettante prestigiose sedi cittadine. Tra i grandi artisti presenti in cartellone, oltre Eduardo Egüez e Sabina Colonna-Preti che saranno protagonisti il 29 settembre, Nunzia Antonino, Alberto Allegrezza con il Dramatodia Ensemble, Matteo Manzitti e molti altri. Quest’anno quasi tutti i concerti presentano delle compagini importanti con cori e gruppi vocali, il programma include poi interazioni con il teatro, in particolare con la produzione contemporanea e la sperimentazione. Tra i protagonisti più giovani anche gli allievi attori del Teatro Nazionale di Genova e il coro del liceo musicale Pertini. Programma completo è su www.lavoceiltempo.com

La Voce e il Tempo a Genova è sostenuta dal Ministero della Cultura attraverso il FUS, da Regione Liguria e dal Comune di Genova. La programmazione genovese si realizza con il sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo nellambito del Bando Linee Guida per progetti nellambito della Cultura Contemporanea e in collaborazione con Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, Musei di Genova e con le sedi che ospitano gli eventi. E’ possibile sostenere Musicaround e La Voce e il Tempo con donazioni tramite Art Bonus:

https://artbonus.gov.it/2974-musicaround-aps.html

Prevendite su happyticket.it

Informazioni e prenotazioni al 351 – 3933733

lavoceiltempo@gmail.comwww.lavoceiltempo.com

www.musicaround.org

Musicaround nasce nel 2003 per promuovere conoscenza, studio e diffusione della musica vocale – specie antica e d’assieme – e delle forme espressive che ad essa si accompagnano.

Passione e perseveranza ci portano a coinvolgere sempre nuovi interlocutori nei nostri progetti, in cui veicoliamo valori di armonia, bellezza e responsabilità che dall’ambito artistico e musicale si traslano alle diverse dimensioni del vivere (del sé, sociale, ambientale).

Crediamo infatti che coltivare lo studio di discipline fortemente legate alla persona e al patrimonio storico-culturale attraverso azioni condivise e partecipate – stimolando capacità critiche, apertura mentale, conoscenza di sé – sia potente strumento di crescita personale e sociale e rafforzi visioni multi-disciplinari e multi-culturali a favore di un’ottica comunitaria e di maggiore senso civico e ambientale.

Tra i progetti recenti di Musicaround c’è www.festivalcontrario.com, per la valorizzazione territoriale attraverso la cultura di Castelvecchio di Rocca Barbena (SV) e dell’Alta Val Neva, realizzato con il sostegno di Fondazione Compagnia di San Paolo attraverso il Bando “In Luce”.

Articoli Correlati

Pulsante per tornare all'inizio

Questo si chiuderà in 5 secondi

Adblock rilevato

Considerate la possibilità di sostenerci disabilitando il blocco degli annunci.